Milano riapre con Strade Aperte, per ridurre l’uso dell’auto dopo il blocco

Milano riapre con Strade Aperte, per ridurre l’uso dell’auto dopo il blocco

La città lombarda colpita dal Coronavirus trasformerà 35 km di strade in piste ciclabile e pedonali

Milano sta introducendo uno dei piani più ambiziosi d’Europa, riallocando lo spazio stradale delle auto al ciclismo e ai pedoni, in risposta alla crisi del coronavirus.

La città e la regione Lombardia circostante sono tra le più inquinate d’Europa e sono state colpite come sappiamo in modo particolarmente grave dall’epidemia di Covid-19.

Sotto il blocco nazionale, la congestione del traffico automobilistico è diminuita del 30-75%, e con esso l’inquinamento atmosferico. I funzionari della città si sta ponendo il problema di come evitare una forte ripresa dell’uso dell’auto e il congestionamento del trasporto pubblico quando i residenti torneranno al lavoro.

La città ha annunciato che 35 km di strade saranno trasformate nel corso dell’estate, con una rapida espansione sperimentale in tutta la città in piste ciclabili e spazi pedonali, per proteggere i residenti al rientro dal cosiddetto lockdown.

Il piano Strade Aperte, annunciato la scorsa settimana, comprende piste ciclabili temporanee a basso costo, marciapiedi nuovi e ampliati, limiti di velocità di 30 km/h e strade prioritarie per pedoni e ciclisti

Marco Granelli, vice sindaco di Milano, ha dichiarato: “Abbiamo lavorato per anni per ridurre l’uso dell’auto. Se tutti guidano un’auto, non c’è spazio per le persone, non c’è spazio per muoversi, non c’è spazio per attività commerciali al di fuori dei negozi.

“Certo, vogliamo riaprire l’economia, ma pensiamo che dovremmo farlo su una base diversa da prima.

“Pensiamo di dover re-immaginare Milano nella nuova situazione. Dobbiamo prepararci; ecco perché è così importante difendere anche una parte dell’economia, supportare bar, artigiani e ristoranti. Quando sarà finita, le città che hanno ancora questo tipo di economia avranno un vantaggio, e Milano vuole far parte di queste”.

Milano è una città abbastanza piccola e densa, 15 km da un capo all’altro e 1,4 milioni di abitanti, il 55% dei quali utilizza i mezzi pubblici per recarsi al lavoro. Il pendolarismo medio è inferiore ai 4 km, rendendo potenzialmente possibile il passaggio dalle auto alle modalità di viaggio attive per molti residenti.

I lavori potrebbero iniziare su un tratto di 8 km di Corso Buenos Aires, una delle strade dello shopping più importanti della città, all’inizio di maggio, con una nuova pista ciclabile e marciapiedi allargati. Il resto dei lavori sarà completato entro la fine dell’estate, dicono dal Comune.

Janette Sadik-Khan è una donna ed è ex commissario per i trasporti di New York City, sta lavorando con città come Bogotà e Milano per i loro programmi di recupero dei trasporti. Dice che Milano, che è un mese avanti rispetto alle altre città del mondo nella traiettoria della pandemia, potrebbe fornire una tabella di marcia per gli altri.

“Molte città e persino nazioni hanno avuto la capacità di ridefinirsi in seguito a crisi epocali e storiche, che si tratti di ricostruzioni politiche, sociali o fisiche”, afferma.

“Il piano di Milano è così importante perché stabilisce un buon playbook su come ripristinare le città in questo momento. È un’opportunità irripetibile per dare uno sguardo nuovo alle sue strade e assicurarsi che siano impostate per raggiungere i risultati che vogliamo raggiungere: non solo spostare le auto il più velocemente possibile dal punto A al punto B, ma consentendo a tutti di spostarsi in sicurezza”.